Annuncio

Collapse
No announcement yet.

I beni rifugio? Sono troppo cari. Allora dove investire durante la tempesta?

Collapse
X
Collapse
  •  

  • I beni rifugio sono troppo cari. Dove investire durante la tempesta?

    Le diatribe europee nel cercare una soluzione conciliante sui debiti dell'Eurozona (che metta da parte gli interessi "privati" dei singoli Paesi a beneficio della "sfera pubblica europea") sono un macigno che pesa sull'andamento dei mercati azionari, impennando i rendimenti dei titoli obbligazionari (segui lo spread BTp-Bund) della cosiddetta area periferica, alimentando una tensione finanziaria a cascata.


    Click image for larger version

Name:	euro-materasso.jpg
Views:	1
Size:	24.2 KB
ID:	188267
    Dopo una settimana di recupero le Borse inaugurano la prima settimana dell'autunno 2011 in ribasso. Il motivo? Lo stesso che ha dato il là alla tempesta perfetta d'estate: l'irrisolta crisi greca e i timori di conseguenze a catena su Italia, Spagna e compagnia bella.

    Se le Borse e il mercato obbligazionario dei Paesi a medio-basso rating sono un terreno che scotta di questi tempi è il caso di dare una sbirciatina all'andamento dei beni rifugio per eccellenza, dove (magari) attraccare in questa fase ad altissima volatilità per chi ha appetito per il rischio.

    Ma questa pazza pazza crisi (che tecnicamente non si è mai arrestata da quando nel marzo 2007 si sono intraviste le prime avvisaglie sui derivati subprime) ha rimescolato le carte anche sugli investimenti rifugio. Sembra giusto chiedersi se oro, franco svizzero, yen e bond governativi ad alto rating possano mantenere, dopo lo scombussolamento dei mercati finanziari, lo status di beni rifugio. Lo abbiamo chiesto a Nicolò Nunziata, strategist di J&C Associati che così fa il punto su quelli che fino a poco tempo fa erano considerati dei porti sicuri dove parcheggiare la liquidità nelle fasi di tempesta, a tutte le latitudini.

    Nunziata, cominciamo dal franco svizzero, considerato la valuta rifugio europea. Prima che la Banca centrale svizzera non bloccasse il cambio con l'euro a 1,2...

    «Negli ultimi 24 mesi è stato il "bene rifugio" per eccellenza, anche più dell'oro. Con il cambio euro-franco vicino all'unità, l'economia svizzera corre un serio rischio di stagnazione, nonostante fondamentali economici fino a questo momento virtuosi. La Banca centrale svizzera con uno statement unilaterale, ha "avvertito" il mercato che userà tutti gli strumenti a sua disposizione per tenere il cambio sopra 1,2 contro euro.

    Per quanto teoricamente una banca centrale non possa nulla contro il mercato, soprattutto se di una Paese di piccole dimensioni come la Svizzera, nondimeno il mercato ha "scoperto" che il franco era sopravvalutato perché sopra certi livelli avrebbe irrimediabilmente penalizzato l'economia, sia sul fronte industriale che del turismo. Un eventuale peggioramento dei fondamentali della Svizzera, non giustificherebbe più l'investimento nella valuta».

    Fonte
      Posting comments is disabled.

    Google ADS Articolo SIngolo

    Collapse

    Latest Articles

    Collapse

    • E quando uno pensa di ever visto di tutto, l'Italia ti sorprende!
      di Admin
      Ebbene sì, difficile da credere ma in Italia si è arrivato a questo :

      I lavoratori che hanno contratto il coronavirus, o che saranno contagiati in futuro, sul posto di lavoro dovranno essere considerati come infortuni sul lavoro, anziché come malattia. La precisazione è arrivata nei giorni scorsi nientemeno che dal presidente dell’Inail Franco Bettoni che ha aggiunto: “Le malattie virali come il Covid-19 sono una causa violenta di malattia e pertanto sono riconosciute come infortunio,...
      07/05/2020, 12:09
    • Covid-19 e rischi per il tax planning.
      di Andy Fratton
      Le restrizioni in atto per frenare la diffusione del Coronavirus, il Covid-19, potrebbero sconvolgere i modelli di business messi in atto dalle multinazionali se non adotteranno misure preventive.

      L'ampliarsi del contagio da Covid-19 ha spinto molti Paesi tra cui Germania, Regno Unito, Italia, Francia ed emanare pesanti restrizioni sulla libertà di movimento, in special modo per i viaggi internazionali. Se prolungate queste restrizioni possono pesantemente influire sugli schemi di...
      03/04/2020, 14:04
    • Slovenia: approvato pacchetto di emergenza per le aziende
      di Andy Fratton
      La Slovenia ha temporaneamente sospeso gli anticipi sui redditi che le società sono tenute a pagare, ha inoltre sospeso il pagamento dell'assicurazione sanitaria per i dipendenti nell'ambito di un più ampio pacchetto di sgravi fiscali attualmente in lavorazione.

      Le aziende slovene non dovranno fino al 31 Maggio versare alcun anticipo sui redditi, mentre quelle che continuano ad operare saranno esentate dal pagamento dell'assicurazione pensionistica dei dipendenti per i mesi di Aprile...
      03/04/2020, 12:58
    • Intanto a Dubai ...
      di Admin
      Secondo le direttive di Sua Altezza lo Sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum, il governo di Dubai ha stanziato oggi 1.5 Miliardi di Dirham ( pari a circa 370 milioni di Euro ) su 15 iniziative per i settori retail, commerciale, turistico ed energetico per ridurre i costi per i residenti per i prossimi 3 mesi.
      Questi alcuni degli interventi : sospensione della tassa municipale di rinnovo licenze commerciali, recupero del 20% delle commissioni doganali per i prodotti importati e venduti localmente,...
      18/03/2020, 10:09
    • Corona Virus, chi pagherà?
      di Admin
      25 miliardi stanziati di cui 12 immediati. Sgravi fiscali, cassa integrazione speciale, congedi parentali, sospensione dei mutui.

      Queste sono solo alcune delle contromisure messe in atto dal Governo per tenere in piedi l'Italia.
      Tutto bello, ma chi pagherà? Se sperate che la BCE si metta a stampare moneta fondo perduto, sbagliate. Interverrà ovviamente, ma passata l'emergenza i conti andranno rimessi in ordine e come ben sappiamo l'Italia non è mai stata brillante nel far quadrare...
      13/03/2020, 12:49
    • Brexit e Finanza Offshore
      di Admin
      Vi riporto, tradotto e riadattato ai nostri interessi, un interessante articolo pubblicato su bvibeacon.com a firma di Dixon Igwe.

      “La Brexit sarà vantaggiosa per la finanza offshore? ” La risposta potrebbe essere sì.

      Il primo ministro britannico Boris Johnson ha affermato di volere far diventare il Regno Unito un mercato libero globale basato su una forte de-regolamentazione.
      In questa ottica, il Regno Unito di Johnson e gli Stati Uniti di Trump sono sulla...
      28/02/2020, 19:06
    Working...
    X