Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Il fisco Investigatori, finanzieri e geni del computer l'esercito dei 46mila cacciatori di evasori

Collapse
X
Collapse
  •  

  • Il fisco Investigatori, finanzieri e geni del computer l'esercito dei 46mila cacciatori di evasori

    Sono in missione per conto dell'Italia. Se non di tutta, almeno di quella parte onesta che paga le tasse. Sono un po' investigatori e un po' geni del computer. Intuito da sbirro, calcolo da ragioniere. Sono cacciatori di evasori, un esercito di 46.500 uomini, 31.500 finanzieri di polizia tributaria e 15 mila accertatori dell'Agenzia delle Entrate. Insieme, "fanno" una città come Rovigo. Scandagliano le banche dati. Aprono tutti i nostri conti correnti, sanno in tempo reale se compriamo un'autoo una casa, se siamo soci di un club esclusivo, quanto spendiamo di bolletta della luce, se abbiamo una colf. Alla bisogna, pedinano e intercettano. Una cassetta degli attrezzi che non ha eguali nel resto d'Europa e che di recente ha fatto sollevare qualche dubbio al Garante della privacy. Ma l'obiettivo è stanare l'homo evadens.


    Tutor per le imprese
    All'Agenzia delle Entrate hanno un funzionario, un "tutor", per ognuna delle 3100 grandi imprese italiane con un fatturato superiore ai 100 milioni di euro. Le hanno schedate, una per una, con i relativi profili di rischio. Quando fiuta possibili impicci fiscali, frequenti nei casi di fusione o accorpamento, il tutor fa visita all'azienda. Senza preavviso. «Ci mettiamo su un loro computer - raccontano all'Agenzia - e tiriamo fuori tutte le informazioni utili. Bisogna essere furbi e bravi perché spesso i file più interessanti sono tenuti ben nascosti». E l'azienda, per legge, non può opporsi alla verifica. Basta questo per capire che non tutti possono fare i cacciatori. All'Agenzia si accede solo per concorso, in deroga al blocco delle assunzioni (anche se dal 2007 ad oggi i dipendenti si sono ridotti di 4 mila unità). I 15 mila sono quasi tutti laureati. Una volta assunti devono seguire corsi di specializzazione in materia fiscale. Ma nessuno entra se non sa "smanettare", e bene, con il computer. Anche perché all'Agenzia la carta è antiquariato. Tutto passa sullo schermo del terminale. Atti, dati, accertamenti.

    Il ruolo del computer
    Una parte dei controlli sulle dichiarazioni dei redditi soggetti a ritenute, circa 400 mila verifiche all'anno, avviene senza che i funzionari alzino un dito. Fa tutto il computer.E l'accertamento, l'atto finale che quantifica gli obblighi tributari evasi, parte in automatico. Così viene scoperto, ad esempio, chi non ha inserito affitti o altre fonti di reddito nel 730. Dai 15 mila terminali ci si collega a Serpico, il grande fratello del fisco, il maxi cervellone che spara 22 mila informazioni al secondo sui contribuenti italiani. Serpico è a un passo dall'accesso diretto ai nostri conti correnti. Serve ancora l'ok del Garante a un provvedimento attuativo emanato dalla stessa Agenzia dopo la riforma Monti. Dopodiché non solo saprà quanti conti abbiamo e dove, come adesso, ma avrà contezza anche della loro consistenza liquida. «È una vera rivoluzione - spiega un accertatore - potremo usare quel dato preventivamente. Come? Confrontando il saldo di un soggetto con il suo tenore di vita reale, descritto dallo "spesometro", lo strumento fiscale che obbliga a fornire al venditore il codice fiscale per acquisti superiori ai 3 mila euro». Ragionamento induttivo, dunque, che si fa certezza grazie a un occhio elettronico sempre più invadente. È il caso ancora delle "liste nere" dei finanzieri. Quasi la metà dei 63 mila militari della Finanza è impegnato in attività di polizia tributaria. Il controllo dello scontrino sul territorio è solo una piccola parte della vastissimo campo di azione delle divise grigie. Sulle scrivanie dei 103 comandanti dei nuclei provinciali ci sono liste con migliaia di nomi (imprese e lavoratori con partita Iva) su cui saranno fatte nell'arco dell'anno verifiche fiscali. Si finisce lì sopra in base a degli indici di capacità evasiva, quantificati ancora una volta incrociando informazioni sul tenore di vita (auto, case, barche, viaggi, beni di lusso e non acquistati), controlli sul territorio, segnalazioni, studi di settore.

    Le finanziarie estere
    Per mettere il naso dentro il conto corrente al finanziere serve comunque l'autorizzazione del comandante regionale. Ma con la riforma Monti l'accertamento finanziario si è allargato fino alle garanzie prestate da finanziarie estere. E questo sta facendo emergere migliaia di frodi fiscali (le cifre ufficiali saranno diffuse entro giugno, insieme con quelle degli sprechi della spesa pubblicae le frodi internazionali) realizzate con San Marino e altri paradisi fiscali. «Ma l'intuito vale ancora più della macchina - spiega Giuseppe Arbore, comandante del Nucleo di Polizia Tributaria di Catania - pochi giorni fa a Treviso durante un controllo in un'azienda di pellami un agente si è accorto che dietro un attaccapanni c'era una parete mobile, che nascondeva i libri con la vera contabilità. Così abbiamo scoperto un'evasione da 100 milioni. Queste cose i computer non le sanno fare».


    [URL="http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2012/04/29/il-fisco-investigatori-finanzieri-geni-del-computer.html"]Fonte[/URL]
      Posting comments is disabled.

    Google ADS Articolo SIngolo

    Collapse

    Latest Articles

    Collapse

    • E quando uno pensa di ever visto di tutto, l'Italia ti sorprende!
      di Admin
      Ebbene sì, difficile da credere ma in Italia si è arrivato a questo :

      I lavoratori che hanno contratto il coronavirus, o che saranno contagiati in futuro, sul posto di lavoro dovranno essere considerati come infortuni sul lavoro, anziché come malattia. La precisazione è arrivata nei giorni scorsi nientemeno che dal presidente dell’Inail Franco Bettoni che ha aggiunto: “Le malattie virali come il Covid-19 sono una causa violenta di malattia e pertanto sono riconosciute come infortunio,...
      07/05/2020, 12:09
    • Covid-19 e rischi per il tax planning.
      di Andy Fratton
      Le restrizioni in atto per frenare la diffusione del Coronavirus, il Covid-19, potrebbero sconvolgere i modelli di business messi in atto dalle multinazionali se non adotteranno misure preventive.

      L'ampliarsi del contagio da Covid-19 ha spinto molti Paesi tra cui Germania, Regno Unito, Italia, Francia ed emanare pesanti restrizioni sulla libertà di movimento, in special modo per i viaggi internazionali. Se prolungate queste restrizioni possono pesantemente influire sugli schemi di...
      03/04/2020, 14:04
    • Slovenia: approvato pacchetto di emergenza per le aziende
      di Andy Fratton
      La Slovenia ha temporaneamente sospeso gli anticipi sui redditi che le società sono tenute a pagare, ha inoltre sospeso il pagamento dell'assicurazione sanitaria per i dipendenti nell'ambito di un più ampio pacchetto di sgravi fiscali attualmente in lavorazione.

      Le aziende slovene non dovranno fino al 31 Maggio versare alcun anticipo sui redditi, mentre quelle che continuano ad operare saranno esentate dal pagamento dell'assicurazione pensionistica dei dipendenti per i mesi di Aprile...
      03/04/2020, 12:58
    • Intanto a Dubai ...
      di Admin
      Secondo le direttive di Sua Altezza lo Sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum, il governo di Dubai ha stanziato oggi 1.5 Miliardi di Dirham ( pari a circa 370 milioni di Euro ) su 15 iniziative per i settori retail, commerciale, turistico ed energetico per ridurre i costi per i residenti per i prossimi 3 mesi.
      Questi alcuni degli interventi : sospensione della tassa municipale di rinnovo licenze commerciali, recupero del 20% delle commissioni doganali per i prodotti importati e venduti localmente,...
      18/03/2020, 10:09
    • Corona Virus, chi pagherà?
      di Admin
      25 miliardi stanziati di cui 12 immediati. Sgravi fiscali, cassa integrazione speciale, congedi parentali, sospensione dei mutui.

      Queste sono solo alcune delle contromisure messe in atto dal Governo per tenere in piedi l'Italia.
      Tutto bello, ma chi pagherà? Se sperate che la BCE si metta a stampare moneta fondo perduto, sbagliate. Interverrà ovviamente, ma passata l'emergenza i conti andranno rimessi in ordine e come ben sappiamo l'Italia non è mai stata brillante nel far quadrare...
      13/03/2020, 12:49
    • Brexit e Finanza Offshore
      di Admin
      Vi riporto, tradotto e riadattato ai nostri interessi, un interessante articolo pubblicato su [URL="https://www.bvibeacon.com/commentary-brexit-seen-as-likely-to-benefit-offshore/"]bvibeacon.com[/URL] a firma di Dixon Igwe.

      “La Brexit sarà vantaggiosa per la finanza offshore? ” La risposta potrebbe essere sì.

      Il primo ministro britannico Boris Johnson ha affermato di volere far diventare il Regno Unito un mercato libero globale basato su una forte de-regolamentazione....
      28/02/2020, 19:06
    Working...
    X