Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Tra Italia e Svizzera presto l'accordo anti-evasione

Collapse
X
Collapse
  •  

  • Tra Italia e Svizzera presto l'accordo anti-evasione

    Da questa parte delle Alpi la volontà di recuperare miliardi di euro, tassando i capitali fuggiti illegalmente. Dall'altra il desiderio di uscire dalla lista nera dei paradisi per evasori. C'è sintonia tra Italia e Svizzera sulla strada dell'accordo fiscale. Lo hanno ribadito ieri, al termine di un incontro a Palazzo Chigi, Mario Monti e il presidente elvetico Evelin Widmer-Schlumpf: «Contrastare l'evasione è obiettivo comune, sono soddisfatto del buon andamento del gruppo di lavoro», ha dichiarato il premier. Che sui tempi del negoziato però non si è sbilanciato: «La materia è complessa, difficile fare previsioni». Nessun commento nel merito, il lavoro è solo agli inizi.


    La task force bilaterale, creata da un mese, si è riunita per la prima volta il 24 maggio. Si ragiona sullo schema Rubik, l'accordo che la Svizzera ha già chiuso con Inghilterra, Germania ed Austria e che ha ottenuto il via libera della Commissione Europea. Due gli elementi essenziali: una sanatoria sulle tasse evase dagli italiani negli scorsi anni e l'attribuzione alla Svizzera del ruolo di sostituto di imposta, di riscossore, su quelle da versare in futuro. In cambio Roma cancellerebbe la Confederazione dalla lista dei paradisi fiscali. Una volta regolarizzati, i contribuenti italiani potranno tenere i capitali in Svizzera. Da capire se sarà loro garantito l'anonimato, come nel patto siglato dalla Germania.

    Ieri Monti ha parlato di «soluzioni in linea con la disciplina comunitaria, con particolare riguardo alla doppia imposizione e allo scambio di informazioni». Sui depositi non dichiarati degli italiani nella Federazione le stime oscillano tra i 100 e i 200 miliardi di euro. Quanto grande sarà la fetta recuperata dall'erario, dipenderà dalle aliquote: Svizzera e Germania hanno fissato una tassa tra il 21 e il 41% per sanare i conti passati e del 26% sui redditi futuri. Per Inghilterra e Austria le percentuali sono più basse. Ma anche nella peggiore delle ipotesi il Tesoro incasserebbe diversi miliardi di euro.

    Altro tema aperto è quello delle imposte sugli italiani con impiego in Svizzera. All'inizio della trattativa il Canton Ticino ha scongelato i 23 milioni di euro di ristorni, la parte di prelievo fiscale da restituire ai comuni lombardi in cui i lavoratori risiedono. Berna però vorrebbe abbassare la percentuale dovuta, ora al 38,8%. Per ora, l'unica certezza è che la volontà di arrivare all'accordo è condivisa: «Proseguiremo senza indugio le trattative che portino alla regolarizzazione e all'imposizione futura dei contribuenti italiani», ha dichiarato Widmer-Schlumpf. «Vogliamo creare una piazza finanziaria forte senza denaro non dichiarato».

    Il gruppo tecnico si rivedrà a fine mese e i risultati, ha annunciato Monti, «saranno riferiti direttamente ai presidenti del consiglio». Tempi veloci, ma sulla possibilità di chiudere entro fine anno il premier glissa: «La volontà è di concludere bene e presto».


    [URL="http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2012/06/13/tra-italia-svizzera-presto-accordo-anti-evasione.html"]Fonte[/URL]
      Posting comments is disabled.

    Google ADS Articolo SIngolo

    Collapse

    Latest Articles

    Collapse

    • E quando uno pensa di ever visto di tutto, l'Italia ti sorprende!
      di Admin
      Ebbene sì, difficile da credere ma in Italia si è arrivato a questo :

      I lavoratori che hanno contratto il coronavirus, o che saranno contagiati in futuro, sul posto di lavoro dovranno essere considerati come infortuni sul lavoro, anziché come malattia. La precisazione è arrivata nei giorni scorsi nientemeno che dal presidente dell’Inail Franco Bettoni che ha aggiunto: “Le malattie virali come il Covid-19 sono una causa violenta di malattia e pertanto sono riconosciute come infortunio,...
      07/05/2020, 12:09
    • Covid-19 e rischi per il tax planning.
      di Andy Fratton
      Le restrizioni in atto per frenare la diffusione del Coronavirus, il Covid-19, potrebbero sconvolgere i modelli di business messi in atto dalle multinazionali se non adotteranno misure preventive.

      L'ampliarsi del contagio da Covid-19 ha spinto molti Paesi tra cui Germania, Regno Unito, Italia, Francia ed emanare pesanti restrizioni sulla libertà di movimento, in special modo per i viaggi internazionali. Se prolungate queste restrizioni possono pesantemente influire sugli schemi di...
      03/04/2020, 14:04
    • Slovenia: approvato pacchetto di emergenza per le aziende
      di Andy Fratton
      La Slovenia ha temporaneamente sospeso gli anticipi sui redditi che le società sono tenute a pagare, ha inoltre sospeso il pagamento dell'assicurazione sanitaria per i dipendenti nell'ambito di un più ampio pacchetto di sgravi fiscali attualmente in lavorazione.

      Le aziende slovene non dovranno fino al 31 Maggio versare alcun anticipo sui redditi, mentre quelle che continuano ad operare saranno esentate dal pagamento dell'assicurazione pensionistica dei dipendenti per i mesi di Aprile...
      03/04/2020, 12:58
    • Intanto a Dubai ...
      di Admin
      Secondo le direttive di Sua Altezza lo Sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum, il governo di Dubai ha stanziato oggi 1.5 Miliardi di Dirham ( pari a circa 370 milioni di Euro ) su 15 iniziative per i settori retail, commerciale, turistico ed energetico per ridurre i costi per i residenti per i prossimi 3 mesi.
      Questi alcuni degli interventi : sospensione della tassa municipale di rinnovo licenze commerciali, recupero del 20% delle commissioni doganali per i prodotti importati e venduti localmente,...
      18/03/2020, 10:09
    • Corona Virus, chi pagherà?
      di Admin
      25 miliardi stanziati di cui 12 immediati. Sgravi fiscali, cassa integrazione speciale, congedi parentali, sospensione dei mutui.

      Queste sono solo alcune delle contromisure messe in atto dal Governo per tenere in piedi l'Italia.
      Tutto bello, ma chi pagherà? Se sperate che la BCE si metta a stampare moneta fondo perduto, sbagliate. Interverrà ovviamente, ma passata l'emergenza i conti andranno rimessi in ordine e come ben sappiamo l'Italia non è mai stata brillante nel far quadrare...
      13/03/2020, 12:49
    • Brexit e Finanza Offshore
      di Admin
      Vi riporto, tradotto e riadattato ai nostri interessi, un interessante articolo pubblicato su [URL="https://www.bvibeacon.com/commentary-brexit-seen-as-likely-to-benefit-offshore/"]bvibeacon.com[/URL] a firma di Dixon Igwe.

      “La Brexit sarà vantaggiosa per la finanza offshore? ” La risposta potrebbe essere sì.

      Il primo ministro britannico Boris Johnson ha affermato di volere far diventare il Regno Unito un mercato libero globale basato su una forte de-regolamentazione....
      28/02/2020, 19:06
    Working...
    X