Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Apple sotto inchiesta a Milano per frode fiscale

Collapse
X
Collapse
  •  

  • Apple sotto inchiesta a Milano per frode fiscale

    La procura di Milano addenta la mela di Apple, la multinazionale californiana dell’iPhone. L’attività della filiale italiana è infatti oggetto di una indagine penale che ipotizza il reato di dichiarazione dei redditi fraudolenta, al momento contestato a due manager dell'azienda, in concorso tra loro e con l’aggravante della continuazione nel tempo. Il nome dei due dirigenti, in attesa di ulteriori accertamenti, è al momento ancora riservato.


    Click image for larger version

Name:	index.jpeg
Views:	1
Size:	3.0 KB
ID:	188279
    Gli importi sottratti al fisco italiano, stando ai primi accertamenti, sarebbero molto rilevanti. Se le ipotesi investigative trovassero conferma, Apple Italia avrebbe sottostimato di 206 milioni di euro circa l'imponibile fiscale del 2010 di oltre 853 milioni quello del periodo d’imposta 2011, sulla base di una falsa rappresentazione delle scritture contabili e avvalendosi di mezzi fraudolenti tesi a ostacolare l’accertamento.

    In pratica, nei due anni contestati finora, Apple avrebbe nascosto al Fisco un miliardo e 60 milioni di euro di quelli che in gergo tributario si chiamano gli “elementi attivi” che concorrono al formazione dell'imponibile.
    Stando all'accusa, i profitti realizzati in Italia da Apple venivano contabilizzati dalla società di diritto irlandese Apple Sales International, seguendo uno schema molto diffuso anche in altre multinazionali dell’hi-tech e di internet, Google in primis, grazie al quale questi gruppi riescono a pagare tasse risibili sui loro enormi profitti, approfittando di una serie di norme nella legislazione irlandese che, di recente, sono state messe sotto osservazione dall'Unione europea.

    Sulla base di questi riscontri il sostituto procuratore titolare dell’inchiesta Adriano Scudieri, coordinato dall’aggiunto Francesco Greco, ha ordinato il sequestro di un corposo lotto di materiale informatico e telefonico, dopo una perquisizione che si è svolta nella sede della Apple in piazza San Babila a Milano, al fine di trovare le prove della frode una volta che il materiale sarà analizzato. Il decreto del sequestro è stato però impugnato; sulla sua correttezza dovrà dunque decidere il tribunale del Riesame.

    Scudieri si è avvalso dell’attività della direzione regionale lombarda dell’Agenzia delle Dogane, che - ad esempio - avrebbe rintracciato «gravi indizi» in ordine alla sottrazione dall’imposizione Ires (l'imposta sui redditi delle società) di somme molto rilevanti, sulla base anche delle dichiarazioni dei clienti di Apple Italia, ben celati dietro un «meccanismo fraudolento» che ha portato all’apertura del fascicolo a carico dei due indagati.

    L’ipotesi a monte è che Apple Italia non si occupi solo di supporto al canale di vendita e di assistenza e di servizi accessori alla società irlandese, ma sia il vero cuore dell’attività commerciale compiuta in Italia. In altre parole è che vi sia una stabile organizzazione ben celata dietro a quella leggera che viene invece indicata da Apple. Martedì 12 novembre il pm ha incontrato i legali degli indagati, che hanno scelto di farsi assistere dall’ex ministro della Giustizia del governo Monti, Paola Severino. Non si conoscono al momento i contenuti del colloquio.

    Da quanto risulta, un altro fascicolo in ordine a presunti reati fiscali commessi da Apple in Italia era già stato aperto in passato e successivamente archiviato. L’apertura di questo nuovo fronte giudiziario sembra indicare che la procura milanese ritenga ora di essere in possesso di maggiori riscontri circa l’ipotesi di frode.
    Guardando al di là della singola inchiesta, non si può non notare come cresca la pressione, anche in Italia, verso queste architetture societarie transnazionali che permettono alle multinazionali - e quelle della tecnologia sono nell’occhio del ciclone - di affrancarsi dal grosso della tassazione sui proventi dell’attività. E come anche in questo caso irrompa nuovamente con forza la questione irlandese nella lotta all’elusione delle regole del fisco italiano, e non solo.

    Alcuni Paesi hanno ipotizzato quella che viene chiamata “Google Tax”, di cui qualcuno discute anche in Italia in vista della prossima legge di Stabilità. Ma la quadra andrebbe cercata soprattutto in sede Ocse, dove la questione viaggia invece a rilento. Tutto il contrario della velocità con cui sfuggono al Fisco gli utili di Apple, Google, eBay e di molti altri giganti del web.

    Fonte
      Posting comments is disabled.

    Google ADS Articolo SIngolo

    Collapse

    Latest Articles

    Collapse

    • E quando uno pensa di ever visto di tutto, l'Italia ti sorprende!
      di Admin
      Ebbene sì, difficile da credere ma in Italia si è arrivato a questo :

      I lavoratori che hanno contratto il coronavirus, o che saranno contagiati in futuro, sul posto di lavoro dovranno essere considerati come infortuni sul lavoro, anziché come malattia. La precisazione è arrivata nei giorni scorsi nientemeno che dal presidente dell’Inail Franco Bettoni che ha aggiunto: “Le malattie virali come il Covid-19 sono una causa violenta di malattia e pertanto sono riconosciute come infortunio,...
      07/05/2020, 12:09
    • Covid-19 e rischi per il tax planning.
      di Andy Fratton
      Le restrizioni in atto per frenare la diffusione del Coronavirus, il Covid-19, potrebbero sconvolgere i modelli di business messi in atto dalle multinazionali se non adotteranno misure preventive.

      L'ampliarsi del contagio da Covid-19 ha spinto molti Paesi tra cui Germania, Regno Unito, Italia, Francia ed emanare pesanti restrizioni sulla libertà di movimento, in special modo per i viaggi internazionali. Se prolungate queste restrizioni possono pesantemente influire sugli schemi di...
      03/04/2020, 14:04
    • Slovenia: approvato pacchetto di emergenza per le aziende
      di Andy Fratton
      La Slovenia ha temporaneamente sospeso gli anticipi sui redditi che le società sono tenute a pagare, ha inoltre sospeso il pagamento dell'assicurazione sanitaria per i dipendenti nell'ambito di un più ampio pacchetto di sgravi fiscali attualmente in lavorazione.

      Le aziende slovene non dovranno fino al 31 Maggio versare alcun anticipo sui redditi, mentre quelle che continuano ad operare saranno esentate dal pagamento dell'assicurazione pensionistica dei dipendenti per i mesi di Aprile...
      03/04/2020, 12:58
    • Intanto a Dubai ...
      di Admin
      Secondo le direttive di Sua Altezza lo Sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum, il governo di Dubai ha stanziato oggi 1.5 Miliardi di Dirham ( pari a circa 370 milioni di Euro ) su 15 iniziative per i settori retail, commerciale, turistico ed energetico per ridurre i costi per i residenti per i prossimi 3 mesi.
      Questi alcuni degli interventi : sospensione della tassa municipale di rinnovo licenze commerciali, recupero del 20% delle commissioni doganali per i prodotti importati e venduti localmente,...
      18/03/2020, 10:09
    • Corona Virus, chi pagherà?
      di Admin
      25 miliardi stanziati di cui 12 immediati. Sgravi fiscali, cassa integrazione speciale, congedi parentali, sospensione dei mutui.

      Queste sono solo alcune delle contromisure messe in atto dal Governo per tenere in piedi l'Italia.
      Tutto bello, ma chi pagherà? Se sperate che la BCE si metta a stampare moneta fondo perduto, sbagliate. Interverrà ovviamente, ma passata l'emergenza i conti andranno rimessi in ordine e come ben sappiamo l'Italia non è mai stata brillante nel far quadrare...
      13/03/2020, 12:49
    • Brexit e Finanza Offshore
      di Admin
      Vi riporto, tradotto e riadattato ai nostri interessi, un interessante articolo pubblicato su bvibeacon.com a firma di Dixon Igwe.

      “La Brexit sarà vantaggiosa per la finanza offshore? ” La risposta potrebbe essere sì.

      Il primo ministro britannico Boris Johnson ha affermato di volere far diventare il Regno Unito un mercato libero globale basato su una forte de-regolamentazione.
      In questa ottica, il Regno Unito di Johnson e gli Stati Uniti di Trump sono sulla...
      28/02/2020, 19:06
    Working...
    X