Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Europa

Collapse
X
Collapse
  •  

  • Europa

    Si deve precisare subito come negli ultimi anni sia risultato evidente che strumento privilegiato nel favorire l'elusione fiscale internazionale non sono solo quei Paesi classificati come "paradisi fiscali" che, anzi, proprio in quanto espressamente individuati come tali, incontrano crescenti difficoltà nell'assumere un ruolo realmente attivo nelle transazioni internazionali. Oggi, infatti, è assai diffuso il ricorso a tutti quei Paesi a regime tributario normale che nascondono all'interno della propria legislazione, regimi fiscali speciali atti, il più delle volte, unicamente ad attrarre nuovi investitori stranieri.


    Click image for larger version

Name:	europa.jpg
Views:	1
Size:	12.8 KB
ID:	188216
    Si è appena detto che la principale risposta a questa nuova tendenza internazionale, l'UE l'ha data con il pacchetto Monti, e un aiuto in tal senso è stato dato dall'OCSE. In particolare, il già citato gruppo Primarolo, ha appena concluso due anni di lavori rendendo noti i risultati del proprio operato destinato ad individuare le agevolazioni che possano risultare fiscalmente "distorsive". Una lista molto ampia ma per nulla esaustiva, che affianca quella OCSE, il cui contenuto risulta decisamente poco chiaro, e desta, esattamente come quella OCSE, parecchie perplessità.


    Questa lista infatti si limita ad elencare una serie di figure giuridiche non accettabili all'interno della UE, ma senza pensare alcuna manovra atta a smantellare le medesime strutture nel modo più indolore possibile per i suddetti Paesi. Inoltre nell'ambito della lista predisposta dal gruppo Primarolo sono presenti delle evidenti anomalie: l'Olanda, ad esempio, oltre ad essere presente con ben nove regimi agevolativi, vede considerate elusive quasi tutte le società holding, uno degli assi portanti del proprio sistema economico.

    D'altra parte sorprende l'assenza da questo elenco delle SOPARFI lussemburghesi (non inserite nemmeno nella lista dell'OCSE) che, pur avendo caratteristiche sostanzialmente analoghe a quelle delle holding olandesi, non sono state considerate quale uno strumento atto a distorcere la concorrenza fiscale fra gli Stati.

    Alcuni problemi riguardano anche l'Italia. Nella lista Primarolo, analogamente a quella OCSE, risulta infatti ricompreso il centro "offshore" di Trieste, una scelta che desta perplessità considerato che si tratta di una realtà di importanza praticamente nulla nel panorama fiscale europeo. Infatti a quasi dieci anni dal varo, il centro non è ancora attivo e comunque anche qualora dovesse effettivamente diventare operativo, i rigorosi limiti posti dalla Commissione Europea sia alle attività che questo può svolgere che gli altrettanto importanti vincoli quantitativi alle operazioni effettivamente intermediabili ne limiterebbero sostanzialmente l'attività.

    Le motivazioni di questa ed altre scelte sono evidentemente difficilmente comprensibili e solo una precisazione da parte dello stesso gruppo Primarolo potrà chiarirne definitivamente le ragioni.

    Ma le "stranezze", se così si possono definire, di questa lista continuano, e una in particolare risulta, ai fini della presente trattazione, particolarmente interessante; ci si riferisce all'Irlanda.

    L'Irlanda è infatti considerata, in entrambi i documenti, una sorta di "paradiso" solamente a causa di alcuni suoi particolari regimi impositivi che prevedono una aliquota al 10% per determinate attività manifatturiere e finanziarie svolte in precise aree presso Dublino, quale ad esempio la zona circostante l'aeroporto di Shannon. Se da un lato è innegabile che tali regimi fiscali fossero pregiudizievoli e fiscalmente distorsivi, non si è però tenuto conto del fatto che questo tipo di agevolazione fiscale è oramai prossima alla scadenza, sostituita da una ben più "pericolosa" (ma legittima) aliquota del 12,5% su tutti i redditi prodotti dalle società residenti (la stessa mancanza si riscontra anche nella lista stilata dall'OCSE). Aliquota questa che sta creando una vera bufera all'interno dell'Unione (come si vedrà meglio nei capitoli due e tre della presente trattazione).

    Considerazioni conclusive.

    Quanto detto deve far riflettere e preoccupare, specialmente perché è emblematico per capire quanta confusione vi sia ancora in questa materia all'interno dell'UE.

    Risulta evidente dunque come la tanto voluta armonizzazione dei sistemi tributari sia ancora un miraggio, quantomeno nel contesto di una UE che a tutt'oggi non sembra neppure essere in grado di garantire al suo interno una concorrenza fiscale corretta e pienamente accettabile.

    Ciò che è emerso infatti dall'analisi dei due principali documenti atti ad intervenire in tal senso, non è sicuramente incoraggiante, ed anzi delinea una condotta comportamentale degli organi di controllo piuttosto ambigua e lacunosa.

    Fonte
      Posting comments is disabled.

    Latest Articles

    Collapse

    • PayPal & eBay Contact Information
      di Banzai
      Why is it SO hard to contact PayPal (or eBay)? PayPal had to be sued in 2003 just to have them put their telephone number in a place where most persons could find it. Previously, PayPal had their toll free 800 number buried so deep in their website, people had to actually navigate through several pages and questionaires just to be able to reach the page with the phone number in it. The irony was, if a person was even able to reach a PayPal customer support represenative via the 800 number, that person did not have the authority to even help any PayPal users with serious issues -- the customer service representative could only read from a script and then promise to forward the case to "higher ups." ...
      12/11/2013, 00:13
    • Paradiso Fiscale
      di Banzai
      Un paradiso fiscale è uno Stato che garantisce un prelievo in termini di tasse basso o addirittura nullo. La ragione di una scelta del genere è più che altro politica: attirare molto capitale proveniente dai paesi esteri, fornendo in cambio una tassazione estremamente ridotta. Dal punto di vista del contribuente, per riportarci all'originaria definizione statunitense di paradiso fiscale, tax haven, è un rifugio dall'alta tassazione sui redditi.
      ...
      08/10/2011, 14:43
    • Il giro di soldi nei paradisi fiscali
      di Cope
      Tabella:

      TOTALE (compresi altri) Francia Germania Italia Giappone Gran Bretagna Stati Uniti
      Andorra 2.175 8 40 57 4
      ...
      08/09/2011, 14:14
    • Geopolitica offshore
      di Cope
      Molti dei più classici paradisi fiscali, in primo luogo le isole dei Caraibi, si sono quindi messi al riparo per ora da ipotetiche sanzioni con una lettera di intenti. "Ho piacere di informarla" ha scritto ad esempio il 18 maggio 2000 Peter Smith, il governatore delle Isole Cayman - il maggiore centro off-shore del pianeta - al Segretario dell'Ocse Donald Johnston, "che le Isole Cayman con la presente si impegnano per l'eliminazione delle pratiche fiscali che siano considerate dannose in accordo con il rapporto Ocse". Da paradisi a purgatori? Per adesso solo sulla carta. Secondo la stessa Ocse, i paesi che finora possono effettivamente essere esclusi dalla lista nera sono solo tre: Barbados, Maldive e Tonga. ...
      08/09/2011, 14:11
    • Un giro d'affari imponente
      di Cope
      Secondo la definizione dell’OCSE (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico), l’organizzazione che riunisce i paesi più industrializzati, un paradiso fiscale è un paese o un territorio autonomo che non impone tasse (o solo quelle nominali), per alcuni non residenti diviene un luogo dove sfuggire alla tassazione nel paese di residenza e che possiede almeno uno dei seguenti criteri. ...
      08/09/2011, 14:00
    • Lista OCSE dei Paradisi Fiscali
      di Cope
      Questi i 41 paesi (giurisdizioni o territori) definiti dall'OCSE paradisi fiscali:
      • Andorra
      • Anguilla(Territorio della Gran Bretagna)
      • Antigua e Barbuda
      • Antille Olandesi (Olanda)
      • Aruba
      • Bahama
      • Barbados
      • Belize
      • Bermuda
      • Cipro
      • Dominica
      • Gibilterra (Territorio della Gran Bretagna)
      • Grenada
      • Guernsey/Sark/Alderney, Isole del Canale (Dipendenze della Corona britannica)
      • Isola di Man
      • Isole Cayman
      • Isole Cook (Nuova Zelanda)
      • Isole Marshall
      • Isole Vergini Britanniche (Territorio
      ...
      08/09/2011, 13:57
    Working...
    X