Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Lavoro online estero e tasse

Collapse
X
 
  • Filter
  • Ora
  • Show
Clear All
new posts

  • Lavoro online estero e tasse

    Ciao a tutti!
    Innanzitutto complimenti per il forum in quanto è il più completo e quello con le risposte più esaustive.
    Volevo chiedere a qualcuno più esperto di me alcuni chiarimenti.
    Lavoro online per una società australiana. La piattaforma dà la possibilità di candidarsi a vari progetti e ogni progetto ha una paga e delle ore di lavoro diverse (i lavori sono di trascrizione o social media evaluator). Ricevo il pagamento ogni mese su payoneer in dollari e automaticamente viene trasferito sul mio conto PayPal in euro.
    Il mio stipendio varia ogni mese, in base a quanto lavoro è disponibile, può variare da 300 a 1k a 0, in quanto può capitare che per un mese intero non ci sia lavoro. Non emetto fatture, è tutto svolto online sulla piattaforma.
    Lo scorso anno ho guadagnato circa 5200 euro. La maggior parte di questi spesi online, alcuni trasferiti sul mio conto bancario italiano e altri rimasti su Paypal.
    Detto questo (scusate la lunghezza, vorrei essere il più chiara possibile) come devo comportarmi con le tasse? Vivo con i miei e sono a carico loro.
    Aprire la partita IVA per un lavoro non sicuro, che domani potrebbe finire e riprendere tra mesi, non avendo un guadagno stabile, non mi è mai sembrata la giusta soluzione..a quel punto non mi converrebbe nemmeno continuare a lavorare. In più è un sito estero e non saprei a chi e come fatturare.
    Da Payoneer potrei trasferire a qualche altro conto? O per guadagni del genere non dovrei preoccuparmi?
    Vorrei poter tenere i miei soldi su un conto, in modo da poterli utilizzare per situazioni future importanti, senza dovermi preoccupare di allertare lo stato italiano.
    ?????Vi ringrazio in anticipo!

  • #2
    Ciao Vanessa, per 5200 euro/annui non ti devi preoccupare di nulla.
    E' chiaro che se la situazione lavorativa dovesse migliorare ( drasticamente ) allora dovresti rivedere il tutto.
    Invece di Paypal, che è una mina vagante, tieni o su Payoneer o meglio apriti un conto Transferwise.

    Comment


    • #3
      Originariamente Scritto da Andy Fratton Visualizza Messaggio
      Ciao Vanessa, per 5200 euro/annui non ti devi preoccupare di nulla.
      E' chiaro che se la situazione lavorativa dovesse migliorare ( drasticamente ) allora dovresti rivedere il tutto.
      Invece di Paypal, che è una mina vagante, tieni o su Payoneer o meglio apriti un conto Transferwise.
      Ottimo! Grazie mille per il consiglio ???? buona serata!

      Comment


      • #4
        Originariamente Scritto da Andy Fratton Visualizza Messaggio
        Ciao Vanessa, per 5200 euro/annui non ti devi preoccupare di nulla.
        E' chiaro che se la situazione lavorativa dovesse migliorare ( drasticamente ) allora dovresti rivedere il tutto.
        Invece di Paypal, che è una mina vagante, tieni o su Payoneer o meglio apriti un conto Transferwise.
        salve Andy,
        potresti commentare questo articolo spuntato di recente, secondo il quale le autorità fiscali svedesi hanno fatto petizione a GB per i dati degli utilizzatori payoneer, e poi condivisi con tutti gli stati. membri EU, secondo la alleanza FISCALIS?

        https://www.massimotonci.it/airbnb-e-controlli-fiscali/

        Comment


        • #5
          Che ci sia cooperazione fiscale in ambito europeo è risaputo.

          La autorità svedesi NON HANNO chiesto a Gibilterra i dati degli utilizzatori di Payoneer, hanno richiesto la lista degli accrediti fatti da AirBnb. Cosa ben diversa.

          Comment

          Working...
          X