Annuncio

Collapse
No announcement yet.

ed ora cari miei facciamo un po di politica VOTA SI O VOTA NO

Collapse
This topic is closed.
X
This is a sticky topic.
X
X
 
  • Filter
  • Ora
  • Show
Clear All
new posts

  • La “potenza di fuoco mai vista” consiste in 28.000 domande per il prestito da 25.000 euro su un totale di oltre 4 milioni di microimprese (fino a 9 dipendenti). È ormai certo che migliaia di artigiani non riapriranno e parliamo di circa il 30% delle attività di ristorazione, bar, piccoli negozi di abbigliamento, piccole rivendite di articoli al pubblico. Non riapriranno, perché è antieconomico. Tutte queste piccole attività dovendo riaprire a giugno, si ritroveranno a saldare affitti, tasse e merce in negozio» commenta il vicepresidente di Unimpresa, Giuseppe Spadafora

    [url]https://m.dagospia.com/se-riaprire-non-conviene-giugno-30-bar-ristoranti-negozi-235132[/url]

    Comment


    • Scusami la mia ignoranza ....io mi sono fatto un idea sulla gestione ....ma te Giorg come avresti affrontato la cosa? Da quello che scrivi penso un pensiero lo possiedi

      Comment


      • Originariamente Scritto da georgebest Visualizza Messaggio
        Scusami la mia ignoranza ....io mi sono fatto un idea sulla gestione ....ma te Giorg come avresti affrontato la cosa? Da quello che scrivi penso un pensiero lo possiedi
        Io aggiungerei pure, perché mai con queste idee ti sei andato a schiantare contro il mondo dell’offshore ?

        Come si suol dire sono tutti busoni con il culo degli altri...

        Per quale motivo non paghi fino all’ultimo centesimo in Italia così da aiutarli a rimpolpare un pochino le casse?
        Se non impari ad essere pagato anche quando dormi, lavorerai fino alla morte.

        Comment


        • alla fine mi avete fatto scappare martin
          non scrivetemi perche no me ne frega niente.

          Comment


          • Originariamente Scritto da giorg Visualizza Messaggio


            Nessuno investirebbe in un fondo che non sia garantito dallo Stato.
            In poche parole neanche gli italiani sono disposti a finanziare il loro Paese e non credono nella capacità dello stesso di restituire quanto prestato.

            Resta quindi da chiedersi perché lo dovrebbe fare qualcun' altro, con i conti in ordine ed un'economia sana.

            Ah, visto che spesso citi la FED: gli americani sia per cultura che per necessità di garantirsi la pensione investono i propri risparmi, ed in gran parte su fondi ed ETF americani (un su tutti il Vanguard S&P 500). Investono quindi i loro risparmi nel loro stesso paese, facendolo crescere e garantendosi un futuro.
            [URL="https://www.prestigeintercorp.com/"]Informazioni e Consulenze[/URL]

            Comment


            • Originariamente Scritto da georgebest Visualizza Messaggio
              Scusami la mia ignoranza ....io mi sono fatto un idea sulla gestione ....ma te Giorg come avresti affrontato la cosa? Da quello che scrivi penso un pensiero lo possiedi
              La soluzione è quella che stanno mettendo in campo gli altri stati, quelli che hanno una banca centrale che fa la banca centrale.

              Si può fare all’interno dell’euro se c’è la volontà politica condivisa di farlo (la vedo dura con la Germania e i suoi satelliti) oppure bisogno uscire e fare da soli.

              In poche parole: sostegno al reddito (a fondo perduto) nell’immediato.
              Imponente piano di investimenti pubblici (infrastrutture, sanità, ecc, in Italia le cose da fare non si contano) nella fase di ricostruzione per dare impulso all’economia, affinché si riprenda.

              Per farlo bisogna fare tutto il deficit necessario per raggiungere questo obiettivo. Il deficit si può finanziare con soldi esistenti (risparmi accantonati che verrebbero rimessi in circolo) oppure con denaro fresco di banca centrale (moneta nuova creata dal nulla).
              Oggi l’inflazione è al palo, anzi presto ci sarà deflazione, dunque è l’ultima cosa a cui bisogna pensare.

              Sottolineo che la BCE sta già stampando soldi, ma non lo fa in maniera e in modo sufficiente, alla pari di altre BC.

              E il 5 maggio è attesa una sentenza importantissima dalla corte costituzionale tedesca, chiamata a decidere se il QE è legittimo oppure no. Se decidesse che il QE viola i trattati, ci sarebbe da divertirsi.

              Comment


              • Originariamente Scritto da bomber747 Visualizza Messaggio

                Io aggiungerei pure, perché mai con queste idee ti sei andato a schiantare contro il mondo dell’offshore ?

                Come si suol dire sono tutti busoni con il culo degli altri...

                Per quale motivo non paghi fino all’ultimo centesimo in Italia così da aiutarli a rimpolpare un pochino le casse?
                Come detto in altri post, io sono residente in Italia e attualmente pago le tasse in Italia.

                Sono in regime forfettario e l’unico mio problema è il limite di 65k.

                Con il forfettario pago, tra imposte e contributi, un totale di circa il 10%.
                Mi sembra un livello di tassazione di tutto rispetto.
                Personalmente sono sempre stato disgustato dalla tassazione umiliante e vessatoria, ma non ho mai preteso di non pagare neanche un centesimo di tasse. Il 10% mi sembra ottimo, almeno per me lo è, visto che contemporaneamente ottengo il vantaggio di poter vivere in Italia vicino ai miei affetti.

                Comment


                • Originariamente Scritto da Andy Fratton Visualizza Messaggio

                  In poche parole neanche gli italiani sono disposti a finanziare il loro Paese e non credono nella capacità dello stesso di restituire quanto prestato.

                  Resta quindi da chiedersi perché lo dovrebbe fare qualcun' altro, con i conti in ordine ed un'economia sana.
                  Gli italiani investirebbero in titoli pubblici. Non investirebbero in un fondo speculativo privato.

                  Ah, visto che spesso citi la FED: gli americani sia per cultura che per necessità di garantirsi la pensione investono i propri risparmi, ed in gran parte su fondi ed ETF americani (un su tutti il Vanguard S&P 500). Investono quindi i loro risparmi nel loro stesso paese, facendolo crescere e garantendosi un futuro.
                  L’americano medio direttamente non investe in un bel niente, al massimo versa soldi in una polizza previdenziale privata, che poi a sua volta investe dove vuole.
                  Questo perché li anche il sistema previdenziale è privato, come la sanità, l’istruzione, e tante altre cose.

                  In Italia non avviene perché tutte queste cose sono pubbliche. In piccola forma c’è il risparmio gestito e le BCC.

                  Il modello sociale americano a me personalmente fa schifo. L’americano medio non vive come fanno vedere nei film di Hollywood (ho dei parenti lì e lo so).
                  Persone flagellate da debiti, mangiati dalle carte di credito, prestito studente, casa di proprietà non esiste, se sei senza assicurazione sanitaria (che costa un occhio) vivi giorno e notte nell’incubo di ammalarti.
                  Ho sentito persino di gente che ha il debito del parto... e ho detto tutto.

                  Non andrei mai a viverci. Mi tengo stretta la mia Italia.

                  PS: ovviamente parlo di americano medio, non del dirigente di Google nella Silicon Valley, del banchiere di Wall Street o dell’attore di Hollywood.
                  Se sei milionario è ovvio che stai bene ovunque.

                  Comment


                  • John Maynard Keynes criticherà anche questa teoria (la teoria quantitativa, ndr) in quanto egli dà alla moneta anche la funzione di "fondo di valore", cioè di deposito di ricchezza, oltre alla funzione di intermediaria degli scambi che già le era stata attribuita. Secondo Keynes V e T non sono costanti. V non è costante perché K dell'equazione di Cambridge può variare e quindi può variare anche V essendo il suo reciproco. T non è costante perché varia al variare degli investimenti attraverso il meccanismo del moltiplicatore. Negando la costanza di V e T Keynes spezza il legame sostenuto da Fisher tra quantità di moneta in circolazione e livello dei prezzi, perché se un aumento della quantità di moneta in circolazione viene compensato da una diminuzione di V, i prezzi non cambiano.

                    Comment

                    Working...
                    X